Con un miliardo e mezzo di fondi sai quanto benessere si può dare agli animali? Infinito. Si possono anche riconvertire le aziende che macellano, che allevano con finalità industriali per vendere carne. Quella che sempre meno si mangia e si desidera consumare. Dove sono finiti quei fondi e come sono stati usati? I nodi arrivano si spera al pettina La Corte dei Conti europea sta infatti conducendo un audit sulle norme Ue sul benessere degli animali da allevamento in cinque Paesi, tra cui l’Italia. Lo rende noto la Corte, che ha pubblicato  una nota esplicativa in materia.

La nota, insieme ai risultati dell’audit, saranno parte integrante di una relazione speciale che sara’ pubblicata nel 2018. Attualmente si stima che nell’Ue vi siano 4,5 miliardi tra polli, galline ovaiole e tacchini e circa 330 milioni tra mucche, maiali, capre e pecore. L’indagine prendera’ in esame la vita degli animali negli allevamenti, il trasporto e la macellazione. Per il periodo 2014-2020, i fondi di sviluppo rurale dell’Ue hanno assegnato ad azioni “per il benessere degli animali” circa 1,5 miliardi di euro. Quale benessere?

Ti piace? Condividi!