VILLANOVA D’ASTI – DEVE TRASLOCARE E UCCIDE IL SUO CANE PERCHÉ È DIVENTATO UN PESO. PIERA ROSATI (PRESIDENTE LNDC): “UOMINI COME LUI SONO UN PERICOLO PER LA SOCIETÀ”.

Erano diventati un peso. Come una vecchia lavatrice di cui disfarsi. A Villanova d’Asti, in Piemonte, un uomo doveva traslocare. E non potendo portare con sé i suoi due cani, ha deciso di eliminarli. Uno è morto, l’altro è stato trovato in fin di vita. Ma fortunatamente è salvo. LNDC Animal Protection denuncia il proprietario. 

Quei cani avrebbero dovuto essere la sua famiglia. Avrebbe dovuto portarli con sé, nella sua nuova casa. E invece, al momento di dover traslocare, ha scelto la strada più violenta. Quella più disumana. Dopo aver chiamato la polizia locale per chiedere che portassero i suoi animali al canile, ed essersi sentito rispondere che le procedure non prevedevano una soluzione del genere, l’uomo ha provato a uccidere entrambi i cani. Al loro arrivo, gli agenti hanno trovato uno dei due cani morto, coperto da un lenzuolo, mentre il secondo era agonizzante. È stato anche rivenuto un flacone vuoto di tranquillanti per animali. Il cane ucciso dall’uomo è stato trasportato all’istituto zooprofilattico per essere esaminato. L’altro, sopravvissuto, è stato sequestrato e preso in carico da un’associazione animalista del posto. Le sue condizioni sono in via di miglioramento. Il proprietario è stato denunciato per uccisione e maltrattamento di animali, LNDC si unisce alla denuncia e seguirà il caso da vicino per dare giustizia a questi animali senza colpa.

“Questo è l’ennesimo caso di attività criminali che hanno per vittime degli animali. Serve fare giustizia perché tutelare degli esseri senzienti significa avere a cuore anche la sicurezza pubblica”, commenta la presidente, Piera Rosati. “Questi individui sono pericolosi per la comunità che frequentano. Numerose ricerche dimostrano, infatti, che chi è violento con gli animali lo è anche con gli umani. Perché non porta alcun rispetto per nessuna forma di vita. Anche per questo motivo rilanciamo la nostra petizione per chiedere pene più severe per chi commette atti di violenza contro gli animali”. 

20 gennaio 2021 

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Ufficio Stampa
Tel.: 02.26116502
ufficiostampa@legadelcane.org
stampa@legadelcane.org
www.legadelcane.org