La storia della cagnolina Sota, uccisa a Barcellona da un agente della Guàrdia Urbana su una delle strade principali della capitale catalana, ha valicato i confini nazionali e ha suscitato l’indignazione di tutte le persone dotate di sensibilità e di buon senso anche in Italia. LNDC scrive al sindaco di Barcellona e condivide la petizione lanciata in Spagna.

Sota era l’unica compagna di vita di un ragazzo senza tetto che guadagnava qualche spicciolo vendendo braccialetti per strada e tutti la conoscevano come una cagnolina ben socializzata e docile. Il 18 dicembre scorso, in un intervento richiesto dall’hotel davanti al quale il ragazzo stava vendendo i suoi braccialetti, un agente della polizia locale l’ha uccisa sparandole in testa perché abbaiava mentre i poliziotti controllavano i documenti del suo compagno umano.

A seguito delle proteste che si sono scatenate in rete, il poliziotto ha tentato di giustificarsi dicendo che Sota l’aveva morso al braccio e lui temeva per la sua incolumità. La sua versione però è smentita dai diversi testimoni che si trovavano sul posto dato che il tutto è avvenuto in pieno giorno e su una delle strade più trafficate di Barcellona. La sindaca Ada Colau, incalzata dai cittadini più sensibili, ha annunciato che è stata aperta una indagine interna per valutare l’operato dell’agente.

La Presidente di LNDC, Piera Rosati, ha scritto una lettera alla Sindaca di Barcellona per chiedere seri provvedimenti nei confronti di questo agente, colpevole di aver ucciso a sangue freddo e senza alcun valido motivo una cagnolina inoffensiva. “È particolarmente avvilente quando queste crudeltà vengono perpetrate da chi porta una pistola d’ordinanza che dovrebbe essere usata solo per difendere i più deboli”, commenta Rosati. “La morte di Sota è un evento gravissimo che non deve passare sotto silenzio e che deve far riflettere sul bisogno di sensibilizzare a un maggiore rispetto per la vita di tutte le creature viventi.

LNDC invita tutti i propri sostenitori a firmare la petizione lanciata in Spagna per chiedere al Comune di Barcellona di adottare le misure necessarie e opportune per punire l’agente di polizia in questione per il suo gesto totalmente sproporzionato e immotivato.

3 gennaio 2019

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Ufficio Stampa
Tel 02 26116502
Fax 02 36638394
info@legadelcane.org
www.legadelcane.org