LNDC DENUNCIA: “EPISODO GRAVISSIMO” 

Il cane, lasciato alcuni giorni fa a Calice Ligure dentro un’auto al sole con i finestrini chiusi, è deceduto per ipertermia. LNDC Animal Protection: “Abbiamo denunciato i proprietari per questo reato che poteva essere evitato, viste anche le forti campagne di sensibilizzazione sul tema. Faremo di tutto perché i responsabili di questa anacronistica morte siano severamente puniti”.

Savona, 5 luglio 2021 – LNDC Animal Protection ha denunciato i proprietari del cane di razza Rottweiler morto qualche giorno fa per ipertermia, dopo essere stato lasciato dai suoi proprietari chiuso nell’auto al sole con tutti i finestrini serrati.  L’allarme, scattato in seguito alla segnalazione di alcuni cittadini che avevano notato il povero animale rinchiuso nell’autovettura parcheggiata sotto il sole cocente dell’estate ormai iniziata, ha fatto intervenire i carabinieri forestali delle stazioni di Calice Ligure e di Zuccarello ma, nonostante le immediate cure, per il molosso era ormai troppo tardi. Non c’è stato nulla da fare.

Si tratta di un caso assurdo viste le assidue campagne di informazione che facciamo sui pericoli di lasciare un animale un auto in estate”, ha commentato esterrefatta la presidente LNDC Animal Protection Piera Rosati: “Proprio a fine giugno abbiamo lanciato la campagna di sensibilizzazione 2021 sul caldo e, in particolare nel comune di Savona, sono stati attaccati numerosi cartelli e avvisi dalla nostra sezione locale per sensibilizzare tutti i cittadini: sia a osservare alcune fondamentali regole per tutelare i nostri animali dal caldo, sia a segnalare tempestivamente chi non lo faccia, come è accaduto in questo gravissimo episodio. È incredibile che ci siano ancora persone così incoscienti da fare morire di caldo, nel 2021 e in Italia, il proprio animale nell’abitacolo ardente della propria auto”.

LNDC Animal Protection, infatti, ha già attivato da metà giugno scorso tutte le proprie sezioni in Italia (lettera ai Comuni) al fine di sensibilizzare su questo attuale tema sia i cittadini, invitandoli a seguire buone regole e a segnalare tempestivamente situazioni di emergenza, sia i Comuni, affiggendo appositi cartelli (scaricabili) nelle piazze, parcheggi e supermercati della propria zona. È importante sapere che l’abitacolo dell’automobile, in estate, può diventare come in questo caso una vera e propria trappola mortale per un animale: in pochi minuti le temperature diventano così alte da poterne causare la morte, anche se il finestrino dell’auto rimane leggermente aperto e la macchina è all’ombra. Questa azione da parte del proprietario costituisce un reato, come definito da due sentenze importanti della Corte di Cassazione (sentenza n. 14250/2014 e sentenza 175/2008, ai sensi dell’art. 727 del Codice Penale), che hanno condannato i rispettivi padroni per la sofferenza inflitta ai loro cani.

Si tratta di un episodio gravissimo che poteva essere evitato”, ha argomentato poi l’avvocato LNDC Animal Protection Alessandra Itro, che ha continuato: “Abbiamo depositata una denuncia affinché chi ha causato la morte di questo povero Rottweiler non resti impunito. Con riferimento ad una vicenda simile, che fortunatamente non ha avuto lo stesso triste epilogo”, ha continuato il legale LNDC, “la Cassazione ha sancito che lasciare il cane in auto per un tempo consistente costituisce reato. In questo caso, riteniamo possa sussistere il reato di maltrattamento di animali qualificabile anche con dolo eventuale. Quindi faremo di tutto perché chi ha commesso questo gesto venga severamente punito”.

In sintesi, quindi, ecco i 10 accorgimenti suggeriti da LNDC Animal Protection, da adottare durante tutta l’estate per tutelare il benessere dei nostri animali di famiglia:

  • Mai lasciare un animale da solo in auto: la temperatura all’interno dell’abitacolo può raggiungere in pochi minuti livelli fatali, anche con il finestrino aperto. Persino un’auto parcheggiata all’ombra può essere una trappola mortale nelle giornate particolarmente calde;
  • Se vediamo un animale rinchiuso in un’auto verifichiamo le sue condizioni generali. Se notiamo i sintomi di un colpo di calore bisogna intervenire rapidamente per evitare la morte dell’animale:

contattate immediatamente le forze dell’ordine e un veterinario reperibile. Se possibile, gettiamo acqua sul cane attraverso i finestrini se aperti.

  • Come riconoscere un colpo di calore: inizialmente l’animale appare a disagio, irrequieto e ansimante, con un aumento della frequenza respiratoria e cardiaca. In seguito perderà lucidità e coordinazione e potrebbe barcollare o non riuscire ad alzarsi.
  • Primo soccorso in caso di colpo di calore: in presenza dei sintomi del colpo di calore è necessario correre dal veterinario. Nel frattempo, spostiamo l’animale in un luogo fresco e ombreggiato e rinfreschiamolo applicando stracci bagnati con acqua a temperatura ambiente sul collo, sotto le ascelle e all’inguine. Queste misure comunque non sostituiscono il controllo urgente di un veterinario perché il colpo di calore può avere comunque conseguenze molto gravi.
  • Gli animali che vivono prevalentemente all’aperto o in giardino devono sempre avere accesso ad acqua fresca e pulita e la possibilità di ripararsi in una zona adeguatamente ombreggiata. Per quanto riguarda gli animali che vivono in appartamento, è consigliabile portarli in passeggiata la mattina presto e la sera, evitando le ore più calde in cui anche la pavimentazione cittadina è rovente.
  • Andare in spiaggia è molto divertente anche per i cani ma attenzione alla sabbia e all’acqua di mare, che possono causare irritazioni della pelle. Sciacquare accuratamente con acqua dolce i nostri amici, facendo particolare attenzione tra i polpastrelli.
  • Quando giochiamo con il cane in spiaggia facciamo molta attenzione che non ingerisca sabbia e, in particolare, eventuali corpi estranei che possono nascondersi tra la sabbia: ami e lenze possono causare lesioni in bocca o agli organi interni, se ingeriti.
  • Il pelo degli animali ha una funzione di protezione dal freddo ma anche dal caldo e dai raggi solari. Noi crediamo che la tosatura non sia necessaria ma, nel caso, assicuriamoci di lasciare una lunghezza sufficiente a proteggerli. È consigliabile utilizzare una crema solare ad alta protezione sulle estremità bianche degli animali, come le punte delle orecchie, in caso di esposizione al sole per prevenire scottature e la possibilità di sviluppare tumori.
  • Durante tutta la stagione calda, applicare regolarmente un antiparassitario adatto alla specie e alla taglia (alcuni prodotti per cani possono essere letali per i gatti). Pulci e zecche possono veicolare moltissime patologie e, nel caso dei cani, le punture di flebotomi possono trasmettere la leishmaniosi. Per i soggetti più sensibili si possono scegliere prodotti naturali e senza controindicazioni a base di Olio di Neem.
  • Le punture di insetto possono interessare anche i nostri amici con la coda e, in alcuni casi, causare reazioni allergiche e pericolose. Se notiamo un insolito gonfiore, arrossamento della pelle o prurito, contattiamo subito il nostro veterinario.

In caso di dubbi è sempre opportuno consultare il proprio veterinario di fiducia, senza dimenticare che sempre consigliabile portare i propri animali di famiglia con sé in vacanza, ma nel totale rispetto delle loro essenziali esigenze e nell’ascolto dei relativi naturali bisogni.