S.E. Sig. Erik Vilstrup Lorenzen
Ambasciatore di Danimarca
Via dei Monti Parioli 50
I-00197 Roma
romamb@um.dk

22 giugno 2016

Signor Ambasciatore,

Le scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, associazione che dal 1950 opera su tutto il territorio nazionale per tutelare gli animali di ogni specie.

Sono profondamente preoccupata per Iceberg, il dogo argentino di proprietà di un nostro connazionale che si è trasferito in Danimarca e che ora è condannata a morte perché nel Suo Paese questa razza di cane è considerata pericolosa e vietata. Le faccio presente che l’associazione che presiedo intende muoversi in tutte le sedi opportune presso le istituzioni danesi e quelle europee (Commissione e Parlamento), anche in qualità di soggetto portatore di interessi diffusi iscritto al Registro della Trasparenza della UE, affinché il cane non venga giustiziato e anche per far abrogare questa legge assolutamente priva di fondamento.

Per quanto riguarda Iceberg, Lega Nazionale per la Difesa del Cane offre la propria disponibilità e il proprio sostegno per prendersi cura del cane finché non verrà ricongiunto alla sua famiglia di origine o affidato a una nuova famiglia idonea.

Le chiedo pertanto di intercedere presso le autorità locali del Suo Paese affinché venga fatto un passo indietro e si provveda a far ritornare sana e salva Iceberg in Italia, dove non vige la pena di morte per i cani che hanno avuto l’unica sfortuna di nascere di una razza particolare.

Fiduciosa che accoglierà positivamente questa mia istanza, voglia gradire Signor Ambasciatore i sensi della mia più alta considerazione.

Il Presidente Nazionale
Piera Rosati

 

S.E. Sig. Erik Vilstrup Lorenzen
Ambasciatore di Danimarca
Via dei Monti Parioli 50
I-00197 Roma
romamb@um.dk

22 June 2016

Dear Mr. Ambassador,

I am writing in my capacity as President of Lega Nazionale per la Difesa del Cane, an Italian organization that has been operating throughout the national territory to protect animals of all species since 1950.

I am deeply worried about Iceberg, the dogo argentino owned by one of our fellow countrymen who moved to Denmark and now sentenced to death because your Country considers this breed dangerous and banned. Please note that my organization is planning to take all the necessary actions towards the Danish institutions and the European ones (Parliament and Commission), also in its capacity as stakeholder registered in the European Transparency Register, in order to stop the execution of this dog, as well as to abrogate this absolutely pointless law.

As regards Iceberg, Lega Nazionale per la Difesa del Cane is fully available to provide all the support and care for the dog until she will be reunited with her Italian family or adopted by a new and suitable family.

Thus, I am writing to ask you to intercede with the local authorities in your Country in order to take a step back and let Iceberg go back to Italy safe and sound, where there is no death penalty for dogs who have only been so unfortunate as to belong to a specific breed.

Hoping that you will welcome my request with a positive response please accept, Your Excellency, the assurance of my highest consideration.

President
Piera Rosati