Due persone a processo per maltrattamenti su decine di cani, sequestrati e affidati alle cure della Sezione LNDC locale. Lega Nazionale per la Difesa del Cane ammessa come parte civile.

Al via due processi a carico di un uomo e una donna residenti in Provincia di Rovigo, accusati di aver detenuto decine di cani ammassati in stanze buie, privi di assistenza veterinaria, costretti a vivere e a mangiare in mezzo ai propri escrementi nonché a lottare per la sopravvivenza e a riprodursi tra consanguinei.

A seguito di due sequestri, uno effettuato nel 2014 e l’altro nel 2016, dall’immobile degli imputati sono state prelevate decine di cani. 58 cani con il sequestro del 2014, altri 20 con il sequestro del 2016.

Nella mattinata del 25 gennaio u.s. il Tribunale di Rovigo ha disposto la riunione dei due procedimenti penali ed ha convalidato la costituzione di parte civile della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, assistita dall’Avv. Lia Tamburin.

La sezione di Rovigo della Lega Nazionale per la Difesa del Cane dal 2007 gestisce il Rifugio CIPA di Fenil del Turco, struttura competente ad ospitare ed accudire cani abbandonati, maltrattati e sequestrati provenienti da 46 Comuni della Provincia di Rovigo e dal Comune padovano di Boara Pisani.

L’associazione, in tempi diversi, ha accolto i cani provenienti dai due citati sequestri e continua ad accudirli garantendo cibo, assistenza veterinaria e percorsi rieducativi per aiutare tali cani a superare i problemi comportamentali e ad essere adottati da famiglie amorevoli.

31 gennaio 2017