LNDC denuncia: “Cani spesso in mani sbagliate!

Il cane, ora posto sotto sequestro e affidato al canile comunale, veniva maltrattato da diverso tempo dal proprietario con precedenti penali. LNDC sporge denuncia per seguire da vicino la vicenda e chiedere giustizia per il povero animale. Rosati: i pitbull sono spesso vittime di persone dedite alla criminalità, nonostante l’incubo che ha vissuto è molto affettuoso e socievole. Ora verrà curato e si spera di potergli dare una nuova casa.

Roma, 12 novembre 2021 – Da giorni i residenti di un palazzo di Tor Bella Monaca, quartiere di Roma, erano a conoscenza di maltrattamenti ai danni di un cane che viveva nel loro edificio. A seguito delle segnalazioni, la Polizia è intervenuta sul posto alcuni giorni fa e al loro arrivo potevano sentire i lamenti del cane dall’esterno dell’appartamento in cui era rinchiuso. Dato che nessuno apriva, hanno fatto intervenire i vigili del fuoco che hanno forzato la porta. Una volta dentro, si sono trovati davanti una scena davvero straziante: un pitbull di circa 2 anni, magrissimo e ferito, era legato a un termosifone e circondato dai propri escrementi in condizioni igienico-sanitarie a dir poco drammatiche.

Nel frattempo è rientrato in casa anche l’uomo responsabile del maltrattamento che, tra l’altro, occupava abusivamente l’abitazione ed è stato denunciato per entrambi i reati. “Non è un caso purtroppo che il cane in questione fosse di razza pitbull”, commenta Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection, che prosegue: “Questi cani sono purtroppo spesso vittime di persone dedite alla criminalità, tanto è vero che il soggetto in questione era sottoposto all’obbligo di firma per reati in materia di stupefacenti. I pitbull sono cani dolcissimi che, a causa del pregiudizio che esiste nei loro confronti e per la loro mole, finiscono spesso nelle mani sbagliate. Ringraziamo di cuore l’ottimo lavoro della Polizia Locale, Sesto Gruppo di Roma Capitale, e della Polizia di Stato, per essersi attivati tempestivamente, con grande determinazione e impegno fino alla fine”.

Nonostante i maltrattamenti subiti, le ferite e la malnutrizione, questo cane si è subito dimostrato tranquillo e affettuoso con tutti quelli che hanno avuto a che fare con lui. Attualmente è sotto sequestro ed è custodito presso il canile comunale della Muratella, dove i nostri volontari LNDC sono andati a trovarlo per conoscerlo e capire meglio le sue condizioni. Ora sarà sottoposto a una serie di visite e controlli per verificare il suo stato di salute, nella speranza di poter trovare per lui un’adozione quanto prima. Ovviamente adesso è sotto sequestro e il nostro team legale si unisce alla denuncia già sporta dalla Polizia, in modo da poter seguire da vicino la vicenda e cercare di ottenere giustizia per questo dolcissimo animale”, conclude Rosati.

11 novembre 2021

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Ufficio Stampa
Tel.: 02.26116502
ufficiostampa@legadelcane.org
stampa@legadelcane.org