Al Sindaco del Comune di Balestrate
Dott. Vito Rizzo
comunebalestrate@pec.it

Al Commissario straordinario del Comune di Partinico
sindaco@pec.comune.partinico.pa.it

Direttore UOC Igiene Urbana e Lotta al Randagismo
vetpartinico@asppalermo.org

p.c.,
All’Assessore della Salute
Dott. Ruggero Razza
salute.ufficiodigabinetto@regione.sicilia.it

Milano, 21 ottobre 2019

Oggetto: omissione di soccorso cane incidentato

Spett.li Enti,

scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più antiche e importanti associazioni protezionistiche presenti in Italia, dal 1950 impegnata nella tutela della vita e del benessere degli animali di ogni specie e razza, con circa 80 sedi locali e migliaia di soci, volontari e sostenitori in tutto il territorio nazionale, oltre a quasi un milione di seguaci sui social network.

Ieri, 20 ottobre, una cittadina ha trovato sulla statale Balestrate/Partinico un cane visibilmente sofferente, con molta probabilità investito. Stando a quanto riferito, a nulla è valsa la chiamata alla Polizia Municipale che – a norma di legge – sarebbe dovuta intervenire per soccorrere il cane in collaborazione con il servizio veterinario della ASP. In particolare, mi preme ricordare che, in base alle Linee Guida per il Controllo del Randagismo (Decreto Assessorato alla Sanità n. 2825 del 13/12/2007) i Comuni devono garantire “il servizio
di pronto soccorso direttamente o in convenzione con strutture veterinarie autorizzate”.

Tuttavia, davanti al rifiuto della Polizia Municipale, il cane agonizzante è stato trasferito da volontari presso la più vicina clinica veterinaria, a proprie spese, dove purtroppo è deceduto nonostante i tentativi disperati di salvarlo. Valuteremo, tramite il nostro ufficio legale, il Comune competente per il punto di ritrovamento dell’animale e la possibilità di presentare una denuncia per omissione d’atti d’ufficio.

Distinti saluti,

Il Presidente Nazionale
Piera Rosati