S.E. Sig. Jong-hyunChoi
Ambasciatore della Repubblica di Corea
Via B. Oriani, 30
00197 Roma
koremb-it@mofa.go.kr

13 febbraio 2018

Signor Ambasciatore,

Le scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, associazione che dal 1950 opera su tutto il territorio nazionale per tutelare gli animali di ogni specie.

In questi giorni, nel Suo Paese, si svolgono i Giochi Olimpici invernali e so che il Suo Governo ha chiesto ai ristoranti di non servire carne di cane, una pietanza da voi considerata tradizionale, offrendo anche dei sussidi in tal senso. So anche, stando a quanto riportato dalla stampa, che molti ristoranti si sono rifiutati di farlo e continuano a servirla senza problemi. Innanzitutto mi preme farle notare che l’approccio tentato dal Suo Governo non è comunque vincente; nascondere il consumo della carne di cane agli occhi occidentali per qualche giorno non placherebbe comunque l’indignazione del resto del mondo davanti alle torture inflitte a questi poveri animali.

Premesso che da molto tempo ormai Lega Nazionale per la Difesa del Cane promuove la scelta alimentare senza prodotti animali come soluzione etica e di rispetto per tutti gli esseri viventi, senza fare distinzione tra maiali, vitelli, mucche, conigli o cani e gatti, è indubbio che la “tradizione” di mangiare carne di cane va in forte contrasto con la sensibilità comune di molte persone e il modo disumano in cui vengono trattati questi poveri animali prima ancora di essere uccisi – documentato da innumerevoli immagini e video – è assolutamente inaccettabile e intollerabile. Le tradizioni non sono immutabili nel tempo ed è stato dimostrato anche in Italia, dove siamo riusciti a decrementare il consumo di carne in generale e di agnello nel periodo pasquale in particolare.

Con questa lettera le chiedo di prendere posizione in merito a questa terribile usanza del Suo Paese e intercedere presso il Suo Governo affinché si facciano dei passi concreti per bandire il consumo di carne di cane. Un simile gesto avrebbe una eco molto importante sull’opinione pubblica e sicuramente migliorerebbe la reputazione del Suo Paese.

Fiduciosa che accoglierà positivamente questa mia istanza, voglia gradire Signor Ambasciatore i sensi della mia più alta considerazione.

Piera Rosati
Presidente
Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Ti piace? Condividi!