Al Sindaco
Comune dell’Aquila
Dott. Pierluigi Biondi
sindaco@comune.laquila.it
sindaco@comune.laquila.postecert.it 

Ai Carabinieri Abruzzo e Molise
Stazione di Paganica
staq324140@carabinieri.it
taq20856@pec.carabinieri.it 

All’Asl Veterinaria 1 Abruzzo
UOC Sanità Animale
dipartimento.porevenzine@pec.asl1abruzzo.it
servetaz_sananim@asl1abruzzo.it

Milano, 07 febbraio 2022

Ill.mo Sindaco,

scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più antiche e importanti associazioni protezionistiche presenti in Italia, dal 1950 impegnata nella tutela della vita e del benessere degli animali di ogni specie e razza, con circa 80 sedi locali e migliaia di soci, volontari e sostenitori in tutto il territorio nazionale, oltre a quasi un milione di seguaci sui social network.

Una volontaria aquilana mi ha segnalato un caso molto grave che riguarda la colonia felina da lei gestita in Via del Mulino 6E a Tempera. La colonia risulta registrata a nome della volontaria dal 2009 e, a partire dal 2012, diversi gatti sono stati trovati uccisi a causa di colpi di arma da fuoco. In ogni occasione, la referente ha sporto regolare denuncia presso i Carabinieri di Paganica senza però riuscire a ottenere alcun risultato. L’esame balistico effettuato ha evidenziato che l’arma utilizzata è di libera vendita e quindi impossibile da rintracciare. Sono ben 8 gli animali uccisi o feriti nel corso degli anni e l’ultimo è deceduto pochi giorni fa per motivi diversi, ma da una visita veterinaria accurata sono state rilevate cicatrici riconducibili a ferite da arma da fuoco come confermato dall’esame radiografico che ha mostrato la presenza di 7 pallini di piombo.

Come Lei saprà i gatti liberi sono protetti dalla legge nazionale 281/91 e da quella regionale 47/2013 che, nello specifico, all’art. 18 recita “I Comuni garantiscono la tutela dei gatti che vivono in libertà”. Chiedo, quindi, la sua collaborazione per fermare tali gravi avvenimenti e per cercare di identificare il responsabile di queste crudeltà anche attraverso l’interlocuzione con i Carabinieri di Paganica che sono al corrente dell’intera vicenda. Riteniamo opportuno, inoltre, che la Polizia Municipale effettui delle attività di monitoraggio della zona al fine di verificare se vi sia la presenza di movimenti sospetti o di persone malintenzionate.

Come evidenziato da numerosi studi scientifici, le persone che compiono questi gesti non rappresentano un pericolo soltanto per gli animali ma per tutta la comunità perché molto spesso la loro violenza – dopo essere stata “allenata” sugli animali – inizia a riversarsi contro persone che non possono difendersi. Anche per questo motivo, oltre che per la legittima tutela dei gatti come previsto dalla legge, è importante identificare la persona responsabile di tante uccisioni e assicurarsi che non possa più nuocere in questo modo sul vostro territorio.

Fiduciosa che prenderà le misure necessarie per garantire la legalità e la sicurezza nella sua città, resto in attesa di un riscontro e a disposizione per qualsiasi necessità porgendole distinti saluti.

Piera Rosati
Presidente
Lega Nazionale per la Difesa del Cane