Al Ministro dell’Istruzione,
dell’Università e della Ricerca
dott. Marco Bussetti
uffgabinetto@postacert.istruzione.it

Milano, 13 giugno 2019

Oggetto: educazione al rispetto degli animali e dell’ambiente nelle scuole.

Ill.mo Ministro,

scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più antiche e importanti associazioni protezionistiche presenti in Italia, dal 1950 impegnata nella tutela della vita e del benessere degli animali di ogni specie e razza, con circa 80 sedi locali e migliaia di soci, volontari e sostenitori in tutto il territorio nazionale, oltre a quasi un milione di seguaci sui social network.

Nei giorni scorsi, all’Istituto Superiore d’Istruzione Piagga di Viareggio, dei ragazzi hanno buttato dal secondo piano una gatta che la scuola aveva adottato da alcuni mesi ed era diventata la mascotte dell’istituto.
Il fatto è stato raccontato con un post sulla pagina Facebook della scuola, denunciando la gravità del gesto e annunciando l’intenzione di fare luce sulla vicenda e punire in maniera adeguata i responsabili. La gattina fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze e, portata subito dal veterinario da una docente, si sta riprendendo bene.

La reazione del Consiglio d’Istituto è stata sicuramente apprezzabile, così come in primo luogo la decisione di adottare una gatta come mascotte della scuola, ma è necessario fare di più. Le cronache di tutti i giorni ci raccontano di violenze su animali di ogni tipo, spesso commesse da ragazzi giovani, che rappresentano un vero e proprio campanello d’allarme. Tantissimi studi internazionali dimostrano che la violenza sugli animali è predittiva di un comportamento sociopatico che quasi inevitabilmente porterà a compiere atti di violenza anche sulle persone.

È fondamentale quindi educare le nuove generazioni a una maggiore empatia e a un maggiore rispetto per la vita degli animali e dell’ambiente in generale. Mi auguro che, in qualità di Ministro dell’Istruzione e consapevole della gravità di certi gesti, vorrà inserire nei programmi di studio alcune ore dedicate a questi delicati ma fondamentali temi affinché gli adulti di domani siano più responsabili e coscienziosi di quanto non sono ora.

Distinti saluti,

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Il Presidente Nazionale
Piera Rosati