Egregio Direttore
Complesso Museale di Palazzo Ducale di Mantova
Dott. Peter Assmann
pal-mn@beniculturali.it

e, p.c.
Sindaco di Mantova
Dott. Mattia Palazzi
comune.mantova.aoo@legalmail.it

Prefetto di Mantova
Dott.ssa Carolina Bellantoni
prefetto.pref_mantova@interno.it

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio
Direttore Dott. Gabriele Barucca
sabap-mn@beniculturali.it

Milano, 9 gennaio 2019

Oggetto: possibile mostra di Hermann Nitsch

Egregio Dott. Assmann,

scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più antiche e importanti associazioni protezionistiche presenti in Italia, dal 1950 impegnata nella tutela della vita e del benessere degli animali di ogni specie e razza, con 80 sedi locali e migliaia di soci, volontari e sostenitori in tutto il territorio nazionale, oltre a quasi un milione di seguaci sui social network.

Molte persone, negli ultimi giorni, ci hanno segnalato la possibilità che il Complesso Museale di Palazzo Ducale da Lei diretto potrebbe ospitare in primavera una mostra di Hermann Nitsch, “artista”, o meglio macellaio, noto per utilizzare sangue e carcasse di animali nelle sue “opere”. Come può immaginare, tutte queste segnalazioni ci arrivano da persone sensibili alle istanze dei diritti degli animali che sono inorridite all’idea di questa mostra. Le scrivo, pertanto, per chiederle di smentire tali voci perché troviamo che far soffrire esseri indifesi in modo così gratuito ed efferato, oltre a non aver nulla a che fare con l’Arte, sia una prova di disumanità che disgusta noi e i milioni di nostri sostenitori sui social network.

Sul sito internet del Palazzo Ducale si legge “La didattica è la missione primaria del Nostro Museo”; in virtù di questo principio e di questa missione, quindi, mi auguro che vorrà rifiutarsi di ospitare un’esposizione di “opere” fortemente diseducative che fanno scempio di esseri viventi e divulgano un senso di disprezzo per la vita altrui.

Nella speranza di un suo riscontro in tal senso e rimanendo a disposizione per un ulteriore confronto, le porgo distinti saluti.

Piera Rosati
Presidente Nazionale