Italo – Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.
ufficiostampa@ntvspa.it

Milano, 15 ottobre 2019

Oggetto: rispetto delle regole e buon senso

Spett.le Italo,

scrivo in qualità di Presidente di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, una delle più antiche e importanti associazioni protezionistiche presenti in Italia, dal 1950 impegnata nella tutela della vita e del benessere degli animali di ogni specie e razza, con circa 80 sedi locali e migliaia di soci, volontari e sostenitori in tutto il territorio nazionale, oltre a quasi un milione di seguaci sui social network.

La giornalista e fotografa Silvia Amodio, amica e collaboratrice dell’associazione che presiedo, mi ha informata su un fatto davvero spiacevole che le è capitato su un vostro treno. Il 6 ottobre si trovava in viaggio sul Milano-Napoli delle 18.37 in compagnia del suo cagnolino di 16 anni, accucciato in silenzio senza dare fastidio a nessuno. Nonostante ciò, il controllore ha preteso che l’anziano animale venisse chiuso nel trasportino anche se questo poteva metterlo a disagio data l’età, visto che il regolamento di viaggio prevedeva tale obbligo. A quanto pare però l’obbligo poteva essere aggirato pagando un sovrapprezzo di 90 Euro per essere trasferita in un’altra carrozza ed essere fornita di traversina, cosa che la sig.ra Amodio aveva già.

Capisco la necessità di avere delle regole, ma credo che la prima regola da applicare – in qualsiasi circostanza – sia il buon senso. Ci possono essere cani irrequieti o poco abituati a viaggiare per i quali il trasportino può essere effettivamente una buona soluzione, anche per garantire il loro stesso benessere, ma bisogna anche saper chiudere un occhio quando le circostanze lo consentono. Inoltre, francamente, il fatto che le regole possano essere “plasmate” a fronte di un corrispettivo in denaro non è un bel messaggio. Con questo atteggiamento si rischia di permettere solo alle persone più abbienti di potersi concedere un viaggio in compagnia del proprio amico a 4 zampe, come se fosse un lusso.

Vi prego quindi di provvedere a formare il vostro personale in maniera più adeguata, rispettosi sì delle regole ma anche del buon senso e della serenità degli umani e degli animali.

Distinti saluti,

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Il Presidente Nazionale
Piera Rosati