Secondo un concorrente del popolare programma TV i cani si educano a calci ed è giusto tagliare coda e orecchie per improbabili motivi sanitari ma di base a fini estetici. Rosati: non si può lasciare passare un messaggio del genere davanti a milioni di telespettatori, chiediamo seri provvedimenti.

In queste ultime settimane la quindicesima edizione del Grande Fratello ci ha già fatto vedere uno spaccato di Italia che non ci piace, a base di bullismo e violenza ai danni di una delle partecipanti. Ora è il turno della violenza sugli animali. Filippo Contri, l’ennesimo personaggio in cerca di popolarità spicciola, si è esibito in una pessima “lezione” di educazione cinofila e addirittura medicina veterinaria. Parlando del suo doberman, infatti, ha spiegato e si è vantato – “checché ne dicano gli animalisti” – di essere per i modi antichi e che se il cane sbaglia si merita un calcio. Non contento, ha pensato di sfoggiare nozioni di veterinaria – dall’alto della sua laurea in economia – e ha sentenziato che la coda va tagliata perché è troppo sottile e rischia di rompersi. Infine, ha parlato anche del taglio delle orecchie: anche questo secondo lui necessario perché le orecchie del doberman sono troppo sottili e si feriscono ma alla fine ammettendo che è una questione estetica perché con le orecchie tagliate il cane “fa paura”.

Non seguo il Grande Fratello e non so chi sia questa persona”, afferma Piera Rosati – Presidente Nazionale LNDC, “ma mi hanno segnalato questi filmati e li ho trovati aberranti. Innanzitutto, dovrebbe aggiornarsi sul corretto rapporto tra uomo e cane e sui metodi educativi; non lo dicono gli animalisti, ma etologi di fama internazionale. In secondo luogo, lo invito a non cercare scuse mediche per giustificare mutilazioni che, è bene ricordarlo, sono vietate per legge.”

Trovo che il messaggio passato in televisione, in un programma di grande popolarità come questo, sia gravissimo e mi auguro che la conduttrice, Barbara D’Urso, che più volte si è dichiarata amante degli animali si dissoci in primis da queste affermazioni. Mi auguro inoltre che vengano presi dei seri provvedimenti nei confronti di questo concorrente; che ci piaccia o no queste persone hanno un forte seguito e non possono permettersi di divulgare concetti retrogradi e violenti. La violenza sugli animali è una piaga vera nel nostro Paese, non possiamo lasciare che venga promossa da un palco così importante”, conclude Rosati.

18 maggio 2018

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Ufficio Stampa
Tel 02 26116502
Fax 02 36638394
info@legadelcane.org
www.legadelcane.org

Ti piace? Condividi