Il Decreto 14 aprile 2021 del ministero della Salute è stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e ora i risparmi arrivano per le famiglie che condividono la loro vita con un animale e per i tanti volontari che tutti i giorni, da nord a sud dell’Italia, salvano centinaia di animali vittime di soprusi. Piera Rosati: “Portiamo avanti questa battaglia dal 2016, l’approvazione di questa legge ne decreta la vittoria auspicata da tanto tempo”.

Via libera all’utilizzo di medicinali a uso umano per la cura dei nostri animali. Dopo la firma del ministro Speranza il testo è, infatti, diventato legge (qui il decreto). Ora il veterinario può prescrivere farmaci umani che, a parità di principio attivo, possono essere indicati per curare l’animale tenendo conto del costo del farmaco e potendo, in questo modo, offrire all’acquirente un’alternativa più economica ed equa.

Ottenere finalmente cure veterinarie più accessibili per gli animali familiari è la vittoria di una battaglia che portiamo avanti incessantemente da cinque anni”, argomenta Piera Rosati, presidente LNDC Animal Protection che continua: “Un segnale di concreto supporto alle tantissime persone che fanno fatica ad affrontare queste spese, spesso davvero alte, soprattutto in un momento di grande difficoltà economica per molti, tra pandemia e carenza di lavoro, cittadini che condividono la loro vita con uno o più animali e volontari che tutti i giorni, da nord a sud dell’Italia, salvano centinaia di creature vittime di soprusi. La sproporzione che c’era tra il costo di un farmaco umano e uno veterinario a parità di principio attivo”, argomenta Rosati, “era totalmente immotivata e per molti aspetti anche discriminatoria”.

Una conquista per tutti gli animali e per chi li ama e si prende cura di loro che, ora, potrà finalmente risparmiare sui costi, spesso davvero spropositati, del farmaco veterinario.

Milano, 25 maggio 2021