La gastroenterite e il freddo patito dopo l’abbandono hanno avuto la meglio e la piccola maltesina recuperata tempo fa non ha avuto scampo. LNDC lancia un appello per risalire all’autore di questa crudeltà. Rosati: una persona priva di cuore e di empatia.

Era solo una cucciola, aveva meno di due mesi, ed è stata strappata dalla sua mamma e buttata via come fosse spazzatura. La notizia di questo crudele abbandono ha fatto molto scalpore e destato una grande indignazione tra i cittadini di Cesano Maderno, dove un operatore ecologico l’ha trovata in un cestino dei rifiuti, e in tutto il circondario. La piccolina è stata soccorsa ma purtroppo non ce l’ha fatta a causa di una grave forma di gastroenterite e dell’ipotermia dovuta all’essere stata abbandonata al freddo in quel modo.

In tanti ci hanno segnalato questa drammatica vicenda avvenuta ormai alcune settimane fa”, commenta Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection. “È veramente desolante pensare che là fuori c’è una persona che ha avuto il coraggio di fare questo a una creatura innocente e malata. Una persona senza cuore e senza un minimo di empatia per il dolore altrui. Anche il fatto di essere di razza maltese non ha risparmiato a questa cuccioletta la sofferenza dell’abbandono, della malattia e di una morte atroce.”

Tutto questo non è avvenuto nel classico paesino del Sud, ma in una cittadina della civilissima Brianza, nel profondo nord, a dimostrazione che la crudeltà e l’inciviltà non hanno confini né sono tipiche di una latitudine o di un’altra. Questa persona avrebbe potuto rivolgersi ad associazioni, avrebbe potuto chiedere aiuto a volontari per trovare una sistemazione per questa piccolina, ma invece ha preferito disfarsene come se fosse un oggetto vecchio e difettoso”, continua Rosati.

Questo è il risultato delle mancate sterilizzazioni, degli allevatori fai da te, delle persone che sono contrarie alla sterilizzazione per chissà quali motivi o perché vogliono lucrare sulla vita dei loro cani. Cuccioli indesiderati o ‘invendibili’ che vengono buttati via come fossero spazzatura. Lancio quindi un appello a tutti i cittadini di Cesano Maderno che hanno una coscienza: se avete delle informazioni utili per risalire al mostro che ha fatto questo gesto orrendo, vi preghiamo di rivolgervi alla stazione dei Carabinieri più vicina a voi o di contattarci, anche in forma anonima, allo 02 26116502 o scriverci su presidenza@legadelcane.org. Facciamo un minimo di giustizia per questa piccolina che ha avuto la sfortuna di nascere nelle mani sbagliate”, conclude Rosati.

15 febbraio 2022

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Ufficio Stampa
Tel.: 02.26116502
ufficiostampa@legadelcane.org
stampa@legadelcane.org